La tassa di iscrizione ammonta ad € 200,00, mentre la retta mensile di frequenza parte da € 330,00 ed è comprensiva di:

  • Servizio pulizia in camera

  • Utenze e tasse

  • Servizio manutenzioni

  • Utilizzo di biblioteca, sala tv, sala studio, videoteca, cucine, strutture sportive coperte e open

  • Servizio wireless

  • Portineria e servizi di segreteria

  • Vigilanza notturna

Scelte da fuorisede

APPARTAMENTO IN CONDIVISIONE O CONVITTO UNIVERSITARIO?

GUIDA AD UNA SCELTA CONSAPEVOLE ATTRAVERSO UNA CORRETTA ANALISI DEI COSTI

La prima decisione da prendere per lo studente universitario fuorisede è la scelta abitativa. Sono diversi i parametri da considerare: la vicinanza alla sede universitaria, la raggiungibilità con i mezzi pubblici, la facilità di accesso dalle principali arterie stradali, la condizione dell’alloggio e, non ultimo, i costi da sostenere in relazione budget disponibile.

Molti ritengono che la scelta di un posto letto o di una camera singola in un appartamento condiviso con altri colleghi sia quella più economicamente vantaggiosa, senza considerare però che questa soluzione comporta una serie di costi aggiuntivi che vanno sommati al canone dovuto per l’affitto della camera. I pagamenti di quote condominiali, bollette del gas, energia elettrica e acqua, tassa rifiuti e piccole manutenzioni aumentano notevolmente la spesa complessiva da sostenere. A ciò si aggiunga che il contratto di locazione di un appartamento viene normalmente stipulato per tutti i dodici mesi dell’anno.

 

La soluzione del convitto universitario, invece, oltre a garantire servizi e comodità (si pensi al servizio pulizie in camera, al servizio manutenzioni, alla portineria, alla vigilanza notturna, alla possibilità di utilizzare la cucine in autonomia o di servirsi della mensa a ticket, alla possibilità di utilizzo di palestra, campi da gioco, giardino esterno, videoteca e tanto altro) comporta un concreto risparmio in termini economici.

La tabella che segue analizza nel dettaglio i costi di affitto e gestione di una camera singola in appartamento condiviso confrontandoli con quelli del servizio di convitto offerto dall’Istituto Margherita. Si tratta ovviamente di un’analisi basata su costi medi, ma sufficiente a farsi un’idea più consapevole.

CAMERA IN APPARTAMENTO (costo medio)

CONVITTO UNIVERSITARIO MARGHERITA

Quota di affitto mensile € 250,00
Quota di affitto annuale € 3.000,00
Spese di registrazione contratto e imposta di bollo € 40,00
Rette annuale media convitto € 3.250,00
Quota di iscrizione convitto € 200,00
Quota mensile di spese condominiali € 20,00 compresa nel prezzo della retta
quota annuale di spese condominiali € 240,00 compresa nel prezzo della retta
utenza energia elettrica (quota mensile) € 20,00 compresa nel prezzo della retta
utenza energia elettrica (quota annuale) € 240,00 compresa nel prezzo della retta
gas per cucina, acqua calda e riscaldamento € 40,00 compresa nel prezzo della retta
gas (quota annuale) € 480,00 compresa nel prezzo della retta
quota annuale media per piccole manutenzioni € 100,00 compresa nel prezzo della retta
servizio di manutenzione non presente compresa nel prezzo della retta
tassa rifiuti (quota pro capite) € 75,00 compresa nel prezzo della retta
servizio di pulizie non presente compresa nel prezzo della retta
accesso a servizi e strutture (cinema, palestre, giardino ecc.) non presente compresa nel prezzo della retta
servizio di portineria/accoglienza non presente compresa nel prezzo della retta

TOTALE SPESE ANNUALI

€ 4.175,00

€ 3.450,00

 

 n.b.: i calcoli sono stati effettuati assumendo come parametro di confronto un appartamento occupato da 3/4 studentesse e la tariffa minima di una camera in collegio